Availability: Disponibile

Rommel – Panzergruppe Afrika 1

 89,90

Italiani e Afrika Korps in Nordafrica
Dallo scoppio della guerra alla prima ritirata dalla Cirenaica (giugno 1940 – febbraio 1942)
La prima denominazione delle forze dell’Asse in Africa settentrionale  fu quella di Panzergruppe Afrika. Così fu chiamata fino al 23 gennaio 1942. Tale denominazione comrendeva tutte le forze italo-tedesche, sia quelle corazzate che di fanteria.

Il prezzo di 79,90 è riferito ad entrambi i volumi: Rommel – Panzergruppe Afrika 1 e Rommel – Panzerarmee Afrika 2
È sufficiente ordinare un libro per averli entrambi.

Formato: 21×28 – pagine: 272, interamente illustrato con immagini dell’epoca – brossura copertina plastificata con alette

Categoria:

Descrizione

Sulla guerra d’Africa è stato scritto molto. Tuttavia molte sono pubblicazioni datate, ed hanno un comune difetto: parlano molto dei britannici e dei tedeschi, ma trascurano gli italiani, quasi come se noi in Africa non ci fossimo.
Il perché lo si capisce: era così già durante la guerra.
I Britannici hanno sempre considerato il Tedesco come loro avversario più temibile, così come consideravano i panzer tedeschi veramente pericolosi. Inoltre diveniva “onorevole” subire una sconfitta dalle truppe tedesche, “disonorevole” quando a darle erano gli italiani, e non ne parlavano, a parte qualche raro caso, come avvenne per la divisione “Folgore”. Addirittura, quando i comandanti britannici delle postazioni accerchiate chiamavano il rispettivo Comando per chiedere aiuto, urlavano «siamo circondati da carri armati tedeschi!», anche quando invece erano carri italiani, ben sapendo che se avessero detto la verità non avrebbero ricevuto aiuto. Come si faceva ad essere in pericolo – avrebbero pensato al Comando – quando ad attaccare erano quei ridicoli carri italiani?
Invece io ho voluto colmare questa lacuna, parlando sì delle azioni britanniche e tedesche, ma anche di molte di quelle sostenute dagli italiani. In diversi episodi essi si sono distinti egregiamente, nonostante la carenza e pessima qualità del materiale a disposizione. Per questo gli Italiani hanno usato bombe autocostruite o ideato
stratagemmi e trappole, nelle quali più volte gli Inglesi vi sono caduti. E lo stesso Rommel, in più occasioni, ha lodato il coraggio, l’intraprendenza e la temerarietà dei soldati italiani.
L’Autore

Informazioni aggiuntive

Autore

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.